fbpx

Dieta proteica: Pro e Contro | Fibregold

donna misur

La dieta proteica è certamente uno degli argomenti che maggiormente si prestano a dubbi e controversie. Gli ultimi 20-30 anni del secolo scorso hanno visto avvicendarsi alla ribalta delle cronache rosa (forse ancora di più che negli studi dei nutrizionisti!) tutta una serie di diete proteiche come la dieta Plank, la dieta Dukan, la dieta chetogenica, la dieta Atkins ed altre. Ma cosa si cela davvero dietro una dieta proteica? Si tratta solo di slogan pubblicitari o effettivamente consentono un dimagrimento in tempi rapidi? Quali sono i benefici di una dieta proteica e quali le controindicazioni? Infine, a chi è consigliata la dieta proteica?

Quali sono le caratteristiche della dieta proteica?

Come detto nell’introduzione, i regimi nutrizionali basati sulla dieta proteica, formulati in maniera più o meno salutare e pubblicizzati da questo o quell’altro personaggio famoso, sono stati presentati sempre come diete miracolose adatte a far perdere peso con il minimo sforzo.
Come regola generale, in tutte queste diete vi è un aumento della quota proteica assunta giornalmente a scapito dell’introduzione di glucidi.

La prima distinzione va fatta però tra la dieta proteica e la dieta iperproteica:

  • nella prima l’aumento della quota proteica è solo percentuale nel senso che si instaura un regime ipocalorico in cui si riduce l’apporto di grassi e carboidrati e quindi percentualmente aumenta quello di proteine che però resta sempre nei range di fabbisogno reale mentre
  • nella seconda la quota proteica aumenta in senso assoluto ed è quasi sempre eccedente rispetto al fabbisogno personale (calcolato in relazione al peso ideale e all’attività fisica svolta). In questo tipo di regime alimentare spesso insieme alla quota proteica aumenta anche quella relativa all’introito di grassi a discapito solo dell’introduzione di carboidrati.

Generalmente, stando alle linee guida utilizzate in ambito nutrizionale, per una persona sana circa il 18-20% dell’apporto calorico totale giornaliero dovrebbe derivare dalle proteine questo si traduce in un introito proteico pari a 0,8-1,2 gr di proteine per ogni kg di peso corporeo (riferendosi ovviamente al peso ideale) e in questo range ci si dovrebbe orientare in relazione all’attività fisica svolta. In un regime iperproteico invece l’apporto proteico giornaliero si attesta intorno a 1,8-2,2 gr di proteine per ogni kg di peso corporeo.

Una delle caratteristiche che rende la dieta proteica così amata da chi deve perdere peso è che nella maggior parte dei casi non c’è restrizione calorica cioè gli alimenti proteici possono essere mangiati a sazietà senza dover contare le calorie introdotte riducendo il rischio di attacchi di fame.

Perdere peso con la dieta proteica, e i carboidrati?

ragazza dimagrita grazie alla dieta proteica

Come abbiamo accennato, la dieta proteica basandosi sulla severa restrizione dell’introito di carboidrati è molto utile ai fini del dimagrimento perché  per assicurare all’organismo le energie di cui ha bisogno si vanno ad intaccare i depositi glucidici in fase iniziale e poi quelli adiposi. Questo si traduce in un aumento del metabolismo cellulare e quindi in una perdita di peso, inoltre riducendo notevolmente l’introito di glucidi non si hanno picchi dei livelli di insulina circolante che sembrano essere strettamente correlati all’aumento dei depositi di grasso a livello addominale.

La perdita di peso con la dieta proteica è più rapida rispetto a quella che si ha con una dieta bilanciata però non sempre è ugualmente duratura, molto spesso infatti nel passaggio da un regime nutrizionale proteico a uno bilanciato, con la reintroduzione dei carboidrati, si tende a riprendere una buona quota del peso perso.

Nella dieta proteica i carboidrati vengono quasi totalmente eliminati, specie quelli raffinati. Il consumo moderato di cereali integrali molto ricchi di fibre è consentito in alcuni regimi, generalmente una sola porzione al giorno, di noci (massimo 3 al giorno per 5 giorni a settimana) e di frutti a basso contenuto di fruttosio.

Quali sono le controindicazioni della dieta proteica?

La dieta proteica non è un regime alimentare adatto a tutti ma la sua attuazione va valutata attentamente con un nutrizionista. Il motivo principale è perché le proteine sono ricche di basi azotate che non sono facili da smaltire e tendono a sottoporre i reni a un surplus di lavoro che a lungo andare può creare danni anche irreversibili. Perciò, specie se non strettamente sottoposti a controlli della funzionalità renale, i regimi proteici vanno seguiti per tempi molto brevi. È fondamentale bere tanto in modo da “aiutare” i reni ad eliminare l’azoto in eccesso. 

Un altro organo che potrebbe mostrare stati di sofferenza e di alterazioni della funzionalità è il fegato sia perché contribuisce all’eliminazione degli “scarti” derivati dalla digestione delle proteine ma anche perché spesso nelle diete proteiche, specie se ricche di carne rossa, tende ad aumentare la quota di grassi saturi introdotti che si depositano nel fegato sotto forma di trigliceridi e colesterolo, creando le basi per lo sviluppo di quel quadro clinico noto come steatosi epatica.

Perché la dieta proteica è consigliata nello sportivo?

sportivo muscoloso che assume proteine

Tutti pensano che la dieta proteica sia la più indicata negli sportivi ma questo è vero a metà perché dipende molto dalla tipologia di sport praticato. E’ molto indicata negli sport di potenza e che si giovano dell’aumento della massa muscolare, invece lo è di meno negli sport di resistenza perché la dieta proteica induce uno stato di acidosi metabolica che non si sposa bene con una performance duratura e praticata a ritmo costante.

Per saperne di più su alimentazione e sport, leggi anche l’articolo sulla Dieta nello sportivo oppure scopri di più sulla pasta Fibregold.

 

due formati di pasta fibregold

> Scopri i formati di pasta <

Si consiglia di seguire un’alimentazione varia ed equilibrata,
associata ad uno stile di vita sano.

Share this post



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *